Forum Altomesima Online - Della finzione o della realtà (Ozpetek)
    Forum Altomesima Online

Forum Altomesima Online
Nome Utente:

Password:
 


Registrati
Salva Password
Password Dimenticata?

 

    


Menù riservato agli utenti registrati - Registrati  

Nota: Importante per il caricamento avatar (dimensione max 96x96 pixel): chiamate i vostri file d'immagine con nomi che non abbiano spazi; usate solo lettere e numeri !



 Tutti i Forum
 Eventi Culturali Italia
 Spazio Letterario
 Della finzione o della realtà (Ozpetek)
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:




Tutti gli utenti possono inserire NUOVE discussioni in questo forum Tutti gli utenti possono rispondere in questo forum
  Bookmark this Topic  
| Altri..
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

Admin
Amministratore




Inserito il - 21 novembre 2014 : 19:37:37  Link diretto a questa discussione  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Admin Invia a Admin un Messaggio Privato Aggiungi Admin alla lista amici
FRANCO DI GIORGI

Della finzione o della realtà
Osservazioni su Magnifica presenza di Ferzan Ozpetek (2012)



I.
Sin da subito la musica di Pasquale Catalano libera un sapore dolciastro che seduce, trascina e penetra nell'alloggio di via Cavalcanti 37, a Roma. Qui la nuova proprietaria dice a Pietro e a sua cugina che la vecchia proprietaria, la contessa Casanova (presso cui la madre era stata dama di compagnia), aveva aiutato molte persone durante la guerra. La comparsa fugace della sinagoga, sullo sfondo, all'esterno e la presenza di un basso ripostiglio in una stanza dell'alloggio, all'nterno, aggiungono ulteriori elementi per riconoscere meglio il retrogusto di quella melodia.
Con la morte dell'amore nell'anima, perché l'amante l'ha appena lasciato, Pietro, che aveva deciso di prendere in affitto l'alloggio, ora accetta anche gli spettri che da tempo abitano quella casa e che da 69 anni attendevano la sua magnifica presenza. Sì, ora egli non ha più paura delle vivide presenze di morte. La morte gli pare immediatamente più familiare, più intima: se la sente nell'anima. Quello che prova è un sentimento sublime, perché rhizomatico, perché ora il simile si incontra col simile, la morte si incontra con la morte. Ora, direbbe Blanchot, accade la rencontre de la mort et de la mort.
In quanto omosessuale, Pietro incarna la duplicità di Hermes: da un lato si fa interprete degli spiriti, confonde, e dall'altra fa da psicopompo, consente il passaggio, il contatto, il collegamento, la fusione tra realtà e irrealtà, tra cielo e terra, tra l'aldilà e l'al di qua, tra l'uomo e la donna. ... continua



Ferzan Özpetek
Photo by Mark Rifkin



Osservazioni su Magnifica presenza di Ferzan Ozpetek

Berberian al Gramsci e il suo Sotto un cielo indifferente (2013)






 Firma di Admin 
Saluti
Amministratore
-------------------
Seguici anche su Facebook:





Abbonati alle notizie del forum


 Regione Piemonte  ~ Prov.: Torino  ~  Messaggi: 587  ~  Membro dal: 18 maggio 2008  ~  Ultima visita: 26 novembre 2017
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
  Bookmark this Topic  
| Altri..
 
Vai a:

Herniasurgery.it | Snitz.it | Crediti Snitz Forums 2000
Questa pagina è stata generata in 0,18 secondi.