Forum Altomesima Online - Dignità o servitù
    Forum Altomesima Online

Forum Altomesima Online
Nome Utente:

Password:
 


Registrati
Salva Password
Password Dimenticata?

 

    


Menù riservato agli utenti registrati - Registrati  

Nota: Gli utenti registrati possono creare un loro Blog



 Tutti i Forum
 Eventi Culturali Italia
 Spazio Letterario
 Dignità o servitù
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:




Tutti gli utenti possono inserire NUOVE discussioni in questo forum Tutti gli utenti possono rispondere in questo forum
  Bookmark this Topic  
| Altri..
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

Admin
Amministratore




Inserito il - 17 novembre 2014 : 09:43:19  Link diretto a questa discussione  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Admin Invia a Admin un Messaggio Privato Aggiungi Admin alla lista amici
Dignità o servitù
di Franco Di Giorgi

Quanto siamo disposti a fare e a dare in più per la nostra dignità?
Per quanto oziosa e noiosa, occorre porsi questa domanda. E poi anche rispondervi.
Lo stato di abbandono in cui ci troviamo, infatti, dimostra impietosamente che non solo la considerazione della nostra dignità si è ridotta ormai quasi a nulla, ma che quella domanda ci sfugge, è fuori della nostra portata, resta impensata e quindi senza alcuna possibilità di risposta.
In tal modo, non possiamo nemmeno dire di sentirci indignati se qualcuno, approfittando di questa nostra indolenza, viene a coltivare le sue piante velenose proprio su questo terreno desertico ed espropriato, cioè sulla nostra coscienza.
Certo, non ce ne verrà nulla da quell'impegno. Nulla almeno di utile o di immediatamente vantaggioso. Se oggi però continuiamo ancora a intrattenere con la nostra coscienza un rapporto mercantile, esprimibile nel do ut des, è perché abbiamo avuto già più volte l'opportunità di vendere la nostra dignità al miglior offerente. Sicché, pur volendo recuperarla, ora non sapremmo neanche più dove andare a trovarla. Non sappiamo in che mani sia, in quale mercato sia stata messa all'incanto e quanto valga.
Ovvio, la pigrizia e la stanchezza, come pure la rassegnazione che esse alimentano, finiscono con l'ottenebrare la mente e con l'appesantire il cuore. Senza quel briciolo di dignità - la quale, sola, potrebbe forse redimerci, liberarci da questo funesto torpore che ci attanaglia l'animo - finiamo così col diventare a noi stessi e per gli altri solo delle vite a perdere e da consumare.
Senza la dignità appariamo a noi medesimi simili a gusci d'uovo, vuoti e privi di vita, e finiamo con l'annoiarci di questa nostra semplice presenza, grigia e monotona, con l'avere a nausea l'ex-sistenza, che corre veloce e senza senso, benché venga, nella dura attesa, incessantemente riempita da cose che nascono già morte e che ci muoiono tra le mani. Un essere ex-posti che ci si stanca persino ad assecondare e dal cui indugio, in qualche modo, se fosse possibile, ci si vorrebbe liberare, una volte per tutte.
Solo che, ecco, essendo stati privati della dignità, essendo stati ridotti a esseri indegni, non abbiamo più neppure il coraggio di quella autoliberazione, perché c'è coraggio dove c'è dignità.
Eccoci, dunque, senza dignità e senza coraggio. Esseri inerziali. Spinti e dominati solo dall'istinto di sopravvivenza.
Alleggeriti della nostra dignità e ingravidati nei nostri avidi visceri, privati sia della domanda che della risposta, e quindi del tutto deresponsabilizzati, eccoci di nuovo decisi a passare freddamente sul cadavere del nostro vicino, con lo sguardo spento e rivolto verso il nulla.

Ivrea, 15 novembre 2014

Dignità o servitù di Franco Di Giorgi






 Firma di Admin 
Saluti
Amministratore
-------------------
Seguici anche su Facebook:





Abbonati alle notizie del forum


 Regione Piemonte  ~ Prov.: Torino  ~  Messaggi: 587  ~  Membro dal: 18 maggio 2008  ~  Ultima visita: 26 novembre 2017
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
  Bookmark this Topic  
| Altri..
 
Vai a:

Herniasurgery.it | Snitz.it | Crediti Snitz Forums 2000
Questa pagina è stata generata in 0,14 secondi.