Multi Forum Altomesima - Osservatorio ANEE/ASSINFORM 2005
Multi Forum Altomesima
Multi Forum Altomesima
Home | Profilo | Discussioni attive | Utenti | Cerca | FAQ
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Dimenticato la tua Password?

 Tutti i forum
 e-Learning Community
 e-Learning ed evoluzioni
 Osservatorio ANEE/ASSINFORM 2005
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

mimc
Forum Admin

Italy
458 Messaggi

Inviato il il 10/10/2005 :  16:12:14  Guarda il profilo di  Visita il Sito di mimc  Rispondi Citando
356,6 milioni di Euro il mercato italiano dell'e-learning nel 2004, con una crescita del 43,9% rispetto all'anno precedente. Si prevede per la fine del 2005 un fatturato di circa 430,9 milioni di Euro, con una crescita del 17,9%. La spesa della Pubblica amministrazione passa da 7,73 milioni di Euro nel 2003 a 8,34 nel 2004 e crescerà ancora nel 2005 attestandosi, secondo le previsioni a 10,43 milioni di Euro.
E-LEARNING: 4 ANNI DI CRESCITA CONTINUA E OGGI L'OPPORTUNITÀ DI ESSERE UNA CHIAVE PER LO SVILUPPO DELL'INTERO SISTEMA PAESE

È in sintesi quanto emerge dalla quarta edizione dell'Osservatorio di ANEE-ASSINFORM e CNIPA
sull'E-learning
realizzato con il patrocinio del Ministro per l'Innovazione e le Tecnologie e del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca

e

con la collaborazione di alcune importanti realtà del settore: Banca Intesa, CSI Piemonte, e.Ducation.it, IKS, Isvor Fiat,
Sfera, Telecom Italia Learning Services, TED di Genova ed il Politecnico di Milano, l'Università La Sapienza,
L'Università degli Studi Bicocca di Milano.

L'osservatorio si compone di 4 approfondimenti settoriali su: aziende, pubblica amministrazione, università e scuola. Sintesi settoriali disponibili su richiesta (ufficiostampa@anee.it)

Roma, 28 settembre 2005 - Livio Zoffoli, Presidente del Cnipa, e Roberto Liscia, Presidente di ANEE - Commissione servizi e contenuti multimediali di Assinform, hanno presentato oggi, nell'ambito del convegno dal titolo: E-LEARNING IN ITALIA : UNA STRATEGIA PER L'INNOVAZIONE, i dati del quarto osservatorio sull'E-learning.

I lavori del convegno sono stati aperti dal Presidente del CNIPA, Livio Zoffoli, che ha illustrato il ruolo del CNIPA nel campo dell'e-learning. Le attività del CNIPA negli ultimi anni si sono estrinsecate in progetti pilota di formazione in modalità "mista", nella sperimentazione di piattaforme proprietarie e open source, nell'elaborazione di un Direttiva Ministeriale, nella emanazione di Linee Guida per la realizzazione di progetti in modalità e-learning.

"Oggi il CNIPA - ha annunciato Zoffoli - è impegnato nella realizzazione di un progetto "Scuola virtuale della P.A.", finanziato con 4,5 milioni di euro dal Ministro per l'Innovazione e le tecnologie. Il progetto prevede la realizzazione di un repository federato di materiali didattici interattivi prodotti dal CNIPA stesso e dalle amministrazioni aderenti al progetto, il cofinanziamento di progetti di formazione, in modalità e-learning, delle regioni. Il bando di cofinanziamento scade il 10 ottobre p.v. ed ha un finanziamento complessivo di 2 milioni di euro."
Il progetto prevede, inoltre, una attività di formazione e consulenza rivolta alle amministrazioni centrali e locali che intendono sviluppare autonomi progetti di formazione. Nel 2005 sono stati erogati 3 corsi e 6 seminari destinati ai responsabili degli uffici formazione a cui hanno partecipato 350 dipendenti di 180 amministrazioni. La partecipazione all'osservatorio e la pluriennale collaborazione con ANEE rientrano a pieno titolo nelle attività che il CNIPA svolge per la promozione dell'e-learning nella P.A. Infatti, la conoscenza del panorama italiano nella sua totalità e di quello pubblica in particolare sono fondamentali per orientare gli interventi che il CNIPA intende attuare nel prossimo anno.

Con 356,6 milioni di Euro di fatturato, il settore dell'e-learning ha confermato la sua crescita costante per il quarto anno consecutivo, crescendo del 43,9% tra il 2003 e il 2004 e con una crescita prevista del 17,9% ancora nel 2005, arrivando quindi a fine anno a quota 430,9 milioni di Euro. Significativo questo dato, soprattutto in un momento caratterizzato da una generale crisi nella maggior parte dei settori produttivi e il trend è confermato, seppur a ritmi più contenuti, anche per i prossimi anni.

Il settore delle aziende rappresenta anche nel 2005 la principale fonte della spesa di e-learning. Le aziende, infatti, oltre a rappresentare, anche nel 2004, la principale fonte di questo tipo di spesa, aumentano ulteriormente il proprio peso (da 83,2% nel 2003 a 86,4% nel 2004), confermandosi come il driver fondamentale del mercato. In effetti, il tasso di crescita della spesa e-learning nelle aziende è superiore a quello dell'intero comparto (+ 49,6% vs 43,9%). All'interno degli altri settori da registrare l'incremento costante della spesa della Pubblica amministrazione che passa da 7,73 milioni di euro nel 2003 a 8,34 nel 2004 e crescerà ancora nel 2005 attestandosi, secondo le previsioni a 10,43 milioni di euro.

"A fronte di questo confermato vigore del comparto aziendale, purtroppo però, risultano essere ancora troppo sorde a questa opportunità le piccole e medie imprese italiane che costituiscono l'ossatura della nostra economia. - ha commentato Roberto Liscia, Presidente di ANEE - Certamente scontano l'assenza di un sistema finanziario e fiscale in grado di sostenere programmi intelligenti di innovazione. È invece importante che anche la piccola e media impresa italiana possa avere accesso a queste opportunità e la collaborazione con il mondo universitario può essere una strada da prendere in seria considerazione. Un'opportunità notevole, soprattutto per un'economia come la nostra che si fonda sui distretti industriali, caratterizzati da omogeneità di sapere e di competenze. Quello che è certo è che l'Italia deve necessariamente adottare delle misure urgenti che le consentano di invertire questa pericolosa tendenza. Personalmente sono convinto, e lo affermo da diverso tempo, che la strada sia quella di rilanciare la ricerca e facilitare il più possibile lo scambio di conoscenze. L'e-learning, in tal senso, può essere una chiave per l'innovazione in diversi ambiti."

L'offerta
Sul fronte dell'offerta, l'attività di produzione dei contenuti continua ad essere il segmento più importante del mercato, poiché da solo copre il 40,3% della spesa totale e si prevede che continuerà a mantenere sostanzialmente la stessa quota anche nel 2005. I servizi incrementano il proprio peso rispetto al 2003 passando dal 21,2% al 22,2%; tale trend dovrebbe continuare anche nel 2005. Al terzo posto, ma in calo, il segmento della consulenza (19,3%) che sta riducendo il proprio peso a favore di altre attività a valore aggiunto quali la produzione di contenuti e l'erogazione di servizi. Infine, la tecnologia (18,2%) che ha rappresentato il vero punto di forza dell'offerta nel mercato di prima generazione e resta sulle stesse posizioni del 2003.

La domanda
Le altre tendenze rilevanti riguardano la diminuzione del peso della formazione finanziata (dal 22,3% del 2003 al 21,3% del 2004) e la crescita del peso della formazione esterna. Solo il 24,2% del valore dell'e-learning nel 2004 è derivato da formazione erogata attraverso strutture interne e il restante 75,8% attraverso strutture esterne. Tale tendenza dovrebbe continuare anche nel 2005. Le stime indicano, infatti, che la spesa del mercato "esterno" registrerà una crescita di circa il 19,3% nel 2005, superiore di quasi cinque punti percentuali rispetto alla crescita attesa del mercato "interno" aziendale. Il trend rilevato è l'espressione di un mercato in cui la domanda non solo è sempre più ampia, come dimostrano i tassi di crescita rilevati complessivamente, ma va anche variegandosi e qualificandosi. Sul fronte della domanda, continua la tendenza alla concentrazione del mercato su pochi, grandi e sperimentati spender di formazione online, ma in parallelo si rileva l'aumento del numero di nuovi sperimentatori e una lieve crescita del valore medio della spesa per progetto.

La Pubblica Amministrazione
Nell'analisi per comparti, va rilevato il caso delle Pubbliche Amministrazioni Centrali: oltre l'84% ha fatto ricorso all'e-learning. Il 35% delle Regioni, il 24% delle Province e il 18% dei Comuni ha erogato formazione in modalità e-learning nel 2004: si tratta di valori inferiori rispetto alle percentuali realizzate a livello di enti centrali, ma certamente significativi, tenendo conto della spesa necessaria e della complessità di un'attività formativa erogata in e-learning. Per l'anno in corso, la percentuale di enti intervistati che usufruisce di progetti in e-learning sale al 39%, per un investimento che aumenta di oltre un milione di euro rispetto al 2004: le amministrazioni investono per l'anno in corso oltre 4 milioni e seicentomila euro in e-learning, per erogare oltre 262.000 ore di formazione a 26.000 dipendenti. Estendendo il risultato 2004 degli enti intervistati a tutto il comparto della PA, ponderando le ore spese in formazione dal rapporto SSPA, si può stimare la spesa complessiva in e-learning nella PA in 8,3 milioni di € pari al 3,4% della spesa complessiva in formazione.

__________________________________________
CNIPA - Il Centro Nazionale per l'Informatica nella Pubblica Amministrazione www.cnipa.it - opera presso la Presidenza del Consiglio per l'attuazione delle politiche del Ministro per l'Innovazione e le Tecnologie. Il CNIPA ha l'obiettivo primario di dare supporto alla pubblica amministrazione nell'utilizzo efficace dell'informatica per migliorare la qualità dei servizi e contenere i costi dell'azione amministrativa. Il CNIPA è molto attivo nel campo dell'e-learning ed ha elaborato delle linee guida per la realizzazione dei progetti in modalità e-learning e sta realizzando un portale nazionale dell'e-learning.

ANEE - Commissione servizi e contenuti multimediali di Assinform www.anee.it - rappresenta i principali operatori delle diverse filiere tecnologiche dell'on line, dell'off line e del broadcasting, coerentemente con i processi di convergenza in atto nel settore multimediale. È particolarmente impegnata nell'approfondimento e nella rimozione dei vincoli che condizionano lo sviluppo del settore, collaborando con le Istituzioni per una migliore definizione legislativa e normativa e per potenziare la velocità di sviluppo del multimediale in Italia.


Download documenti: http://www.anee.it/ricerche/osservatorio05/default.asp
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile
Vai a:
Vai all'inizio della pagina Multi Forum Altomesima - © 2002 -2008 Altomesima Online
Questa pagina e' stata aperta in 0,07 secondi. Superdeejay.net | Snitz Forums 2000