Utenti collegati 2
Home

Storia

Altre Notizie

Elezioni

Municipio

Utilitą

Feste religiose

Video Foto Affrontata

Portali in pietra

Foto

Forum Dasą

Chat

Gazzetta

Bracciara

Articoli Bracciara

Linkati da

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


Feste religiose di Dasą
  *

La principale festa religiosa di Dasą č la 'Ncrinata  (1) (si chiama cosģ il rito religioso rappresentazione dell'incontro della Madre col Cristo Risorto) che si svolge il martedģ  dopo la domenica di Pasqua sul mezzogiorno. 

Foto: Madonna della Consolazione  M.C.

Madonna della Consolazione

 La fede dei cittadini di Dasą č rivolta principalmente alla Madonna della Consolazione. La devozione dei dasaesi nei confronti della Statua risale, presumibilmente, alla fine del 1400, tenendo presente che la chiesa dove c’č la sacra statua č stata edificata nel 1483.

Madonna della Consolazione (2009)


Č di questo periodo, appunto, una leggenda che racconta di un’incursione di briganti i quali devastarono il Casale di 
Bracciara  compresa la chiesa.
Tra i ruderi di quel saccheggio rimase l’altare con la statua lignea raffigurante la Madonna della Consolazione. Si racconta anche che i paesi vicini, Dasą, Acquaro e Arena subirono pił o meno lo stesso saccheggio; i loro abitanti, in procinto di edificare una nuova chiesa, rivendicarono il possesso della statua che venne prelevata, da Bracciara, con una carro trainato da buoi ma che, dopo appena qualche chilometro si fermarono senza pił volere continuare, proprio alle porte di Dasą, nel luogo dove  poi č stata edificata la chiesa della Consolazione, (in Piazza Madonna della Consolazione a Lei dedicata)  tutt'oggi ospitante la statua.   

La 'Ncrinata   si svolge una volta l’anno,  ("ja bascjiu a l'Arcu" - gił in localitą Arcu) ,  il martedģ di Galilea, nel giorno in cui Maria ricevette, da San Giovanni, la notizia della  Risurrezione del Cristo e coinvolge  i dasaesi, gli abitanti dei paesi limitrofi e tanti turisti che conoscono l'importanza della manifestazione religiosa.

Luogo dell'affrontata: - ja bascjiu a l'Arcu - gił in localitą Arcu -

La cerimonia religiosa consiste nel rappresentare l'incontro tra San Giovanni Evangelista e la madre di Gesł. In tale occasione San Giovanni le annuncia la risurrezione del Cristo e Maria colta da grande emozione per tale  notizia, si precipita di corsa, assieme all'Evangelista (le statue vengono portate  ad una velocitą superiore) verso suo figlio e quando lo vede, le viene tolto il mantello "mantu" nero (testimonianza del fatto che il suo lutto era terminato) per sfoggiare un nuovo meraviglioso mantello azzurro (che aveva sotto il nero) con ricami in oro, il tutto enfatizzato da un coinvolgimento emotivo degli spettatori e dal rombo dei fuochi artificiali. 

Dopo, le tre statue vengono disposte  a schiera e trasportate  in processione lungo le vie principali del paese. Questo evento religioso viene ripetuto, da quasi 300 anni  (2)  e, preparato con cura minuziosa, dai fedeli al punto da conservare sempre quel fascino particolare che attrae laici e credenti.

Č tradizione far portare, a spalla, la statua della Consolazione, a coloro (o chi per loro) che si aggiudicano all'asta "incantu" le stanghe "i stanghji", che sorreggono il piedistallo dove poggia la statua; a partecipare a tale asta al migliore offerente, (che si svolge dentro la chiesa in busta chiusa) sono soprattutto quelle persone che ritengono di avere ricevuto una grazia particolare o che vogliono chiederla (per loro, ma pił spesso  per i propri cari)  "per voto"  dalla/alla Consolazione; tra i pił facoltosi e devoti (due aggettivi contrastanti) pare vi siano gli emigrati, che pur vivendo in terre lontane hanno conservato per la Consolazione una grande fede, che per certi aspetti, in tanti non riescono a spiegarsi, se non come un desiderio di protagonismo-rivalsa e di ringraziamento per eventuali fortune ricevute emigrando, da un luogo, che poco aveva dato loro in tal senso, o per sfortune cui si chiede l'intervento superiore della Consolazione.

Storicamente vi č una ragione pił fondante sulla devozione alla Consolazione da parte dei  dasaesi: ("L’anno 1656 in tutto il reame di Napoli, nel quale la Calabria era compresa, infuriņ una terribile pestilenza che mietč vittime "anche illustri". I dasaesi si rivolsero alla loro protettrice, impetrando di essere preservati da tanta calamitą. Si tramandņ che la Madonna della Consolazione accolse l’appello angosciato dei suoi figli devoti, riconoscendo in Lei la donna vista con le palme rivolte verso il vicino paese di Arena in atto di trattenere la peste lontana da Dasą.
Quel momento di dolore e di fede č stato interpretato, nel bassorilievo di bronzo sulla porta della chiesa della Consolazione, dal maestro Luigi Maida, affermato artista che nel 1981 aveva restaurato la statua lignea della titolare della chiesa.
(3)") (4)

Foto portone chiesa della Consolazione

 

Video amatoriale della 'Ncrinata di Dasą - 13.04.2004

 

 

Video Affrontata 2004 su YouTube

affrontata dasaese

Canale Video Altomesima: http://it.youtube.com/altomesima


Note:

* Autore: Domenico Capano

(1)  La 'Ncrinata e' altrove detta affruntata od anche cumprunta.  aut. ing. Antonio Tripodi - articolo a pag. 54 - Societą e fede a Dasą tra il '700 e '800 - opuscolo archivio di stato su, Salimbeni Pier Giovanni notaio e filosofo nella Dasą del XVIII secolo.

(2)  Si riscontra in un documento del 1711 la prima notizia della sacra rappresentazione dell'incontro del Cristo con la Madre dopo la di lui Risurrezione.  art. cit. - documento Archivio di Stato di Vibo Valentia., not. D. Ciancio, ist,26/11/1711; A. Tripodi, La Madonna ..pp 39-40

(3) Articolo di  Antonio tripodi  "Il martedi' di Pasqua a Dasą " 

(4) A riguardo della provenienza della peste  č da rilevare che in Arena circola tutt'oggi una versione diametralmente opposta.

Home Portale Altomesima