Forum Altomesima Online - Strage di migranti
    Forum Altomesima Online

Forum Altomesima Online
Nome Utente:

Password:
 


Registrati
Salva Password
Password Dimenticata?

 

    


Menù riservato agli utenti registrati - Registrati  

Nota: Gli utenti registrati possono creare un loro Blog



 Tutti i Forum
 Editoriale
 Articoli e Notizie
 Strage di migranti
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:




Tutti gli utenti possono inserire NUOVE discussioni in questo forum Tutti gli utenti possono rispondere in questo forum
  Bookmark this Topic  
| Altri..
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

Admin
Amministratore




Inserito il - 11 agosto 2015 : 12:26:55  Link diretto a questa discussione  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Admin Invia a Admin un Messaggio Privato Aggiungi Admin alla lista amici
Franco Di Giorgi

La nostra abitudine al male altrui

Dopo l'ennesima e intollerabile strage di innocenti sul Mediterraneo, il pensiero va subito ancora una volta all'incipit del libro secondo del De rerum natura di Lucrezio: Dolce è mirar dalla riva, quando sconvolgono i venti / l'ampia distesa del mare, l'altrui gravoso travaglio, / non perché rechi piacere che uno si trovi a soffrire, / ma perché scorgere i mali di cui siam liberi è dolce: / è dolce assistere, senza che si partecipi al rischio, / gli aspri scontri di guerra in campo aperto: ma nulla / è dolce più dello starsene nei ben muniti castelli / che edificò la serena speculazione dei savi, / donde è concesso guardare gli altri dall'alto, e vederli / qua, là vagare, e sbandati cercar la via della vita... (trad. di B. Pinchetti). Sono versi che indicano nell'adiaphoría epicurea l'lemento che accomuna l'indifferenza umana alla speculazione filosofica.
Agli inizi degli anni Sessanta del secolo scorso, come sappiamo, dopo aver ascoltato alcuni testimoni della Sho’ah a Gerusalemme, in occasione del processo a Eichmann (verbalista alla Conferenza di Wannsee per pianificare nel '42 la soluzione finale della questione ebraica), la Arendt parlò di banalità del male. Ma oggi, dinanzi all'olocausto che si va consumando quotidianamente dinanzi agli occhi del mondo intero nel canale di Sicilia, a partire almeno dalla fine delle cosiddette primavere arabe, la banalità è un sostantivo ancora adeguato a inquadrare la "nuova" declinazione della violenza? Non sembra. Per esprimere la nostra normale convivenza con il male, vale a dire con la disumana umanizzazione della violenza o, per converso, con l'umana disumanizzazione delle persone (pensiamo al recente saggio di Roberto Esposito su Le persone e le cose), si è costretti a ricorrere a un altro sostantivo, forse ancora più banale del primo: all'abitudine. ...

continua

La nostra abitudine al male altrui






 Firma di Admin 
Saluti
Amministratore
-------------------
Seguici anche su Facebook:





Abbonati alle notizie del forum


 Regione Piemonte  ~ Prov.: Torino  ~  Messaggi: 587  ~  Membro dal: 18 maggio 2008  ~  Ultima visita: 03 ottobre 2017
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
  Bookmark this Topic  
| Altri..
 
Vai a:

Herniasurgery.it | Snitz.it | Crediti Snitz Forums 2000
Questa pagina è stata generata in 0,14 secondi.