Forum Altomesima Online - In difesa del Ministro CÚcile Kyenge
    Forum Altomesima Online

Forum Altomesima Online
Nome Utente:

Password:
 


Registrati
Salva Password
Password Dimenticata?

 

    


Men¨ riservato agli utenti registrati - Registrati  

Nota: Per apprezzare le nuove e varie funzionalitÓ del Forum occorre essere registrati.



 Tutti i Forum
 Editoriale
 Articoli e Notizie
 In difesa del Ministro CÚcile Kyenge
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'Ŕ:




Tutti gli utenti possono inserire NUOVE discussioni in questo forum Tutti gli utenti possono rispondere in questo forum
  Bookmark this Topic  
| Altri..
Autore Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  

Admin
Amministratore




Inserito il - 23 giugno 2013 : 20:27:11  Link diretto a questa discussione  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Admin Invia a Admin un Messaggio Privato Aggiungi Admin alla lista amici


Apprendo con sdegno e profondo disgusto della spregevole e incivile offesa mossa da Dolores Valandro, Consigliera leghista di Padova, nei confronti del Ministro per l'Integrazione CÚcile Kyenge.
Ancora turbato per questa imperdonabile irresponsabilitÓ, mi chiedo se una tale offesa non possa e anzi non debba essere opportunamente e adeguatamente sanzionata dal legislatore e punita dal magistrato. Possono bastare infatti le solite scuse, i consueti e finti pentimenti?
Pu˛ bastare solo l'autosospensione da ogni incarico?
Pu˛ essere sufficiente lo sdegno dei vertici veneti del Carroccio e l'espulsione della Consigliera dalla Lega Nord?
I toni delle offese razziste in Italia non stanno superando e non hanno forse giÓ superato il limite consentito dalla tolleranza democratica, la pazienza degli Italiani che credono e che intendono difendere, da offese simili, i valori di solidarietÓ e di uguaglianza posti tra i principi fondamentali della Costituzione?
Certo, il segnale questa volta (ma tutte le altre volte?) Ŕ arrivato immediato, forte e deciso sia dal segretario regionale della lega, Flavio Tosi, sia dallo stesso Roberto Maroni, segretario nazionale del partito.
Eppure mi resta ugualmente dentro un amaro senso di vergogna, perchÚ avverto che come Italiani quell'offesa, quella inammissibile provocazione in qualche modo ci concerne, ci riflette, ci riguarda: ci sentiamo in parte nolentemente colpevoli anche solo per il fatto di appartenere alla stessa nazione, a quella stessa repubblica di cui Ŕ cittadina anche quella sordida impiegata della pubblica amministrazione, a un paese che nonostante gli sforzi compiuti e che continua a compiere per l'allargamento dei diritti in nome della solidarietÓ, non riesce tuttavia a crescere e a maturare, cioŔ a scrollarsi di dosso il fascismo razzista da cui Ŕ pur rinato nel '43 e contro cui nonostante tutto si impegna e continua a lottare.
E' infatti come se fossimo stati noi stessi a partorire e a profferire quell'auspicio tanto stupido quanto scriteriato e crudele che la Consigliera ha lasciato sul suo profilo facebook: "Ma mai nessuno che se la stupri, cosý tanto per capire cosa pu˛ provare la vittima di questo efferato reato? Vergogna!"
L'efferato reato sarebbe il tentato stupro che alcuni giorni fa un giovane somalo, a Genova, ha messo in atto nei confronti di due ragazze rumene, soccorse fortunatamente da un carabiniere. Insofferente per l'ennesima manifestazione di inciviltÓ italiana, questo orrendo augurio da parte della funzionaria leghista nel confronti del ministro (il primo) italiano congolese ci sembra come un filo d'erba che trae la propria linfa dalla terra o, per meglio dire, dal "territorio": termine questo di cui gli Italiani hanno probabilmente troppo abusato in questi ultimi vent'anni, cioŔ dal 1993 in poi. Lo so, Ŕ dura, lunga e difficile la lotta contro questo antico male che cresce e prospera specie nell'indifferenza, nell'ignoranza e nell'immaturitÓ di questo nostro paese, ma lei, caro ministro Kyenge, non tema, non permetteremo a nessuno di questi squallidi personaggi di toglierle il sorriso.

Ivrea, 18 giugno 2013

Franco Di Giorgi


In difesa del ministro Cecile Kyenge






 Firma di Admin 
Saluti
Amministratore
-------------------
Seguici anche su Facebook:





Abbonati alle notizie del forum


 Regione Piemonte  ~ Prov.: Torino  ~  Messaggi: 587  ~  Membro dal: 18 maggio 2008  ~  Ultima visita: 26 novembre 2017

Admin
Amministratore




Inserito il - 18 luglio 2013 : 12:30:29  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Admin Invia a Admin un Messaggio Privato Aggiungi Admin alla lista amici
In difesa del Ministro CÚcile Kyenge (parte seconda)


Nemmeno un mese fa, indignatissimo, avevo scritto e inviato alla Sentinella del Canavese una lettera in difesa del Ministro CÚcile Kyenge, una lettera che questo giornale di Ivrea ha pubblicato venerdý 21 giugno 2013. Il giorno dopo, ancora su Repubblica, leggevo un'altra notizia simile a quella che sullo stesso quotidiano avevo letto otto giorni prima, venerdý 14 giugno, a proposito dell'offesa al ministro Kyenge. Si trattava in realtÓ di una doppia notizia riguardante per˛ la medesima meschineria razziale italiana. La prima riportava l'ennesima offesa proveniente ancora dalla Lega (questa volta di Legnano) e sempre all'indirizzo del ministro Kyenge: "Vattene a fare il ministro in Congo, ebete", si poteva leggere sulla pagina Facebook della "Lega Nord Legnano". E anche stavolta, dopo solo otto giorni dall'espressione ingiuriosa usata dalla Consigliera padovana, i vertici della Lega e il governatore del Veneto Luca Zaia hanno dovuto condannare 'senza se e senza ma' quest'altro insulto nei confronti del ministro dell'Integrazione. Sembra per˛ che, pur volendo, i vertici del Carroccio non riescano a tamponare l'emorragia del noto livore razziale leghista, perchÚ intanto La Padania - faceva notare Alessandra Longo dalla sua scheda su Repubblica, Belpaese - in uno dei suoi titoli di prima pagina tuonava: "La Kyenge ci dipinge come Bengodi e cosý (facendo aumentare gli sbarchi) danneggia gravemente il Paese". Ma quello che fa specie Ŕ che un oltraggio simile contro gli immigrati extra Ue provenisse anche da un'altra Consigliera, questa volta per˛ della segreteria provinciale del Pd di Prato. Sulla sua pagina Facebook la trentenne Caterina Marini, dopo un tentativo di furto subito dalla sorella, pur non sapendo con certezza se il ladro fosse effettivamente un ...

Ivrea, 14 luglio
Franco Di Giorgi


Articolo completo: In difesa del Ministro CÚcile Kyenge (parte seconda)






  Firma di Admin 
Saluti
Amministratore
-------------------
Seguici anche su Facebook:





Abbonati alle notizie del forum


 Regione Piemonte  ~ Prov.: Torino  ~  Messaggi: 587  ~  Membro dal: 18 maggio 2008  ~  Ultima visita: 26 novembre 2017 Torna all'inizio della Pagina

Admin
Amministratore




Inserito il - 18 luglio 2013 : 12:42:54  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Admin Invia a Admin un Messaggio Privato Aggiungi Admin alla lista amici
Politica
17/07/2013 - razzismo fonte: La Stampa online.
Un anno e un mese alla consigliera leghista che offese la Kyenge sul web



Scrisse: "PerchÚ nessuno la stupra?" Condannata per istigazione
a commettere atti di violenza


╚ stata condannata a 13 mesi per direttissima la consigliera leghista di Padova Dolores Valandro che indirizz˛ parole ingiuriose al ministro dell'Integrazione CÚcile Kyenge. "Mai nessuno che se la stupri", aveva scritto la Valandro scatenando un diluvio di polemiche.



La consigliera era stata espulsa dalla Lega e poi denunciata per istigazione ad atti sessuali compiuti per motivi razziali. Oggi Valandro Ŕ apparsa in lacrime e pentita davanti al giudice affermando che non era sua intenzione insultare nessuno, nÚ tantomeno la Kyenge. Poco fa la condanna con l'obbligo di risarcimento per 13mila euro. La difesa ha giÓ annunciato che presenterÓ appello.







  Firma di Admin 
Saluti
Amministratore
-------------------
Seguici anche su Facebook:





Abbonati alle notizie del forum


 Regione Piemonte  ~ Prov.: Torino  ~  Messaggi: 587  ~  Membro dal: 18 maggio 2008  ~  Ultima visita: 26 novembre 2017 Torna all'inizio della Pagina

Admin
Amministratore




Inserito il - 17 gennaio 2014 : 10:25:05  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Admin Invia a Admin un Messaggio Privato Aggiungi Admin alla lista amici
Ci risiamo. Il razzismo leghista Ŕ tornato all'attacco.



Contro il medesimo capro espiatorio. Sempre pi¨ solo. Come al solito. La ministra dell'Integrazione CÚcile Kyenge.
Il vergognoso rito razzista si ripete sordo e sordido quasi in modo identico a quello che ci Ŕ toccato assistere quest'estate. Dopo qualche battuta sconcia e scontata da parte del solito leghista di turno, a dare lĺavvio ufficialmente a questo attacco, come si ricorderÓ, - e spero che qualcuno se ne ricorderÓ, perchÚ altrimenti sarÓ difficile andare oltre rituali come questi che hanno la tendenza a ripetersi inerzialmente, sarÓ quasi impossibile non reincamminarsi verso quella route antique des homme spervers rintracciata da RenÚ Girare - a dare il la, dunque, a questo rigurgito razziale, il 13 luglio scorso 2013, era stato il solito Roberto Calderoli, Vicepresidente leghista del Senato. Lo stesso che il 21 dicembre 2005 aveva dato in pasto agli Italiani il porcellum: per dirla con una formulazione politically correct usata allora da Giovanni Sartori.
Si tratta, come sappiamo, di una pietanza davvero pesante da metabolizzare.
...
Articolo continua nel pdf sopra linkato


Franco Di Giorgi






  Firma di Admin 
Saluti
Amministratore
-------------------
Seguici anche su Facebook:





Abbonati alle notizie del forum


 Regione Piemonte  ~ Prov.: Torino  ~  Messaggi: 587  ~  Membro dal: 18 maggio 2008  ~  Ultima visita: 26 novembre 2017 Torna all'inizio della Pagina
  Discussione Precedente Discussione Discussione Successiva  
  Bookmark this Topic  
| Altri..
 
Vai a:

Herniasurgery.it | Snitz.it | Crediti Snitz Forums 2000
Questa pagina Ŕ stata generata in 0,28 secondi.